Menu di scelta rapida

Dettaglio

GIORNATE AMEI 2016 | SE SCAMBIO CAMBIO!

Il Museo Diocesano di Cuneo aderisce nuovamente anche quest’anno alle Giornate Amei che avranno luogo nel primo fine settimana di ottobre. Per l’occasione l’ingresso alla struttura sarà gratuito e sarà possibile vedere un allestimento un po’ diverso rispetto al solito.

SE SCAMBIO CAMBIO

Su invito di Amei, i musei hanno infatti riflettuto sul concetto di 'scambio', offrendo la propria disponibilità ad effettuare uno scambio con analoghe realtà museali, ma anche con altri musei o istituti culturali del territorio. Lo scambio indica apertura, capacità di confronto, produce cambiamento. In una società sempre più chiusa nelle proprie paure, incapace di stabilire relazioni,  il messaggio lanciato da Amei va nella direzione opposta! 

Come già in anni passati, il Museo Diocesano di Cuneo si è messo in rete con gli amici di Susa ponendo in scambio opere di arte contemporanea: hanno lasciato la sacrestia si Contrada Mondovì i due prototipi per calice e patena per la concelebrazione realizzati in occasione del concorso Deisign.

Sono invece giunti da Susa due dipinti che coniugano la prestigiosa arte medievale del luogo con uno sguardo contemporaneo opera di Antonio Carena e Anna Branciari. Il percorso espressivo di Antonio Carena passa attraverso le problematiche dell’informale internazionale e nel 1965 si concretizza nella realizzazione dei Cieli, dipinti con l’uso sapiente dell’areografo.  Cieli godersi anche in un ambiente chiuso per illudersi di sprofondare in spazi infiniti, cieli veri e di una luminosa bellezza. La pittura di Anna Branciari nasce da una padronanza non comune dei mezzi grafici a cui associa il colore leggero, trasparente, terso, intenso. Un’atmosfera lieve e delicatamente compassata pervade le sue opere, ed un filo sottile ne disegna l’impianto con andamento musicale. E’ un discorso in musica la sua pittura! 

SCAMBIARE CARITA’

Una forma di scambio che tutti i musei condivideranno consiste in un'offerta alimentare, ovvero nel chiedere ai visitatori di portare un pacco di pasta, una scatola di biscotti, un kg di zucchero ecc. in cambio dell’ingresso gratuito o di un piccolo dono (una cartolina, una guida, un gadget …). I prodotti alimentari raccolti verranno destinati ad un’organizzazione certificata che si occuperà di destinarli.

“Se scambio cambio” si rivolge a tutti quei visitatori che accetteranno di farsi coinvolgere in questa simbolica iniziativa di condivisione, con la quale Amei vuole ricordare che compito di un museo è saper cogliere i bisogni sociali e culturali della propria comunità, favorire la costruzione di una società più coesa e responsabile, sostenere l'integrazione, il dialogo, la relazione. Perché confrontarsi con 'l'altro' significa crescere!

COS’E’ AMEI

L’ASSOCIAZIONE MUSEI ECCLESIASTICI ITALIANI (A.M.E.I.) nasce nel 1996 per contribuire alla istituzione, valorizzazione e conservazione dei musei religiosi esistenti in Italia, proponendoli come strumenti di animazione culturale delle comunità cristiane e della società. Essa inoltre vuole “valorizzare gli specifici contenuti di fede e di religiosità popolare di tali istituzioni, incrementare il loro patrimonio, agevolare la loro corretta gestione e l’aggiornamento funzionale, promuovere iniziative che valgano a rendere più proficua l’attività tecnica e scientifica dei soci e degli operatori museali”.  Momenti fondamentali della vita dell’Associazione sono i convegni nazionali che vengono promossi con scadenza biennale. AMEI è un’associazione di volontari. In essa tutti gli iscritti sono volontari, senza esclusione, che costituiscono per l’associazione anche l’unica risorsa economica. L’azione di AMEI è al servizio di tutti i musei ecclesiastici e religiosi, iscritti e non iscritti ed è diretta anche a collaborazioni con i musei di proprietà pubblica e privata e con le altre associazioni di musei.

INFO | 0171 / 480612 (martedì e giovedì) | www.museodiocesanocuneo.it | info(at)museodiocesanocuneo.it

 

TUTTE LE INFO | www.amei.biz

SCARICA LA LOCANDINA