Menu di scelta rapida

Chi siamo

La Fondazione Opere Diocesane Cuneesi (già Opera diocesana per le Chiese povere e per i Catechismi, eretta da mons. Giacomo Rosso, Vescovo di Cuneo, il 29 maggio 1942) è una fondazione autonoma di cui al can. 115§3 del Codice di diritto canonico e persona giuridica canonica pubblica soggetta al Vescovo diocesano di Cuneo.

La Fondazione è un Ente Ecclesiastico Civilmente Riconosciuto, ha finalità di religione e culto e non ha scopo di lucro.

Lo Statuto della Fondazione, depositato presso la Prefettura di Cuneo, precisa quelli che sono i suoi scopi fondamentali:
a) studiare ed organizzare le attività più opportune per testimoniare la fede cattolica nella Diocesi di Cuneo;
b) favorire la conservazione e la valorizzazione degli edifici di culto e dei beni culturali ecclesiastici destinati al culto sul territorio diocesano;
c) sostenere le iniziative diocesane e parrocchiali finalizzate alla formazione religiosa dei fedeli e di coloro che si avvicinano alla fede cattolica.

Governata da un Consiglio di Amministrazione e sorvegliata da un Collegio dei Revisori, la Fondazione ha ricevuto il mandato di subentrare alla Diocesi nella gestione diretta, con strumenti più efficienti ed adeguati, di tutte le attività economiche che presentino complessità organizzative rilevanti o abbiano natura commerciale.

Il processo di consolidamento, tuttora in corso, vede coinvolte le seguenti attività:
-    Gestione Immobiliare
-    Caritas Diocesana
-    Istituto di Musica Sacra “Santa Cecilia”
-    Casa di Riposo “Casa Famiglia”
-    Casa di Esercizi “Casa Pascal D’Illonza”
-    Libreria “Stella Maris”
-    Cinema “Lanteri”
-    Museo Diocesano San Sebastiano
-    La Guida, settimanale diocesano, edito dalla società Lgeditoriale srl di cui la Fondazione è socio unico

LAURA MARINO | DIRETTORE

Nata a Cuneo nel 1974, si è laureata nel 1999 all'università degli Studi di Torino in Storia dell'arte moderna sotto la guida di Giovanni Romano con una tesi dal titolo "Il patrimonio artistico delle chiese cuneesi all'inizio dell'età moderna: S. Maria del Bosco - S. Maria degli Angeli - S. Antonio ". Nel 2003 ha conseguito il diploma di Specializzazione presso l'Università di Bologna con uno studio sull'oreficeria in area cuneese tra Due e Cinquecento (relatore: Massimo Medica). Dal 2000 collabora stabilmente con l'Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Cuneo per il quale ha curato parte della catalogazione dei beni mobili e numerose mostre ed attività. Per il Museo Diocesano ha curato la parte scientifica dell'allestimento e coordinato gli studi, gli apparati didattici e le attività logistiche. E' direttore del Museo dal 2019. Attualmente vive e lavora tra Cuneo e Torino. Conduce studi incentrati in prevalenza sull'arte regionale tra tardo medioevo ed età barocca. E' membro della Commissione Diocesana di Arte Sacra; è guida turistica per la Provincia di Cuneo. E' autrice di numerose pubblicazioni, tra cui le schede delle collezioni nella Guida di Casa Galimberti (Edizioni Nerosubianco), la Guida al Santuario della Madonna degli Angeli (Edizioni TipolitoMartini) e la Nuova Guida di Cuneo scritta insieme alla giornalista Laura Conforti (Edizioni Bbox).

Email: direttoremuseo@operediocesicuneo.it

SERVIZI EDUCATIVI

Tra gli scopi primari del Museo rientra il coinvolgimento del mondo della scuola attraverso un’offerta didattica differenziata secondo differenti tipologie di attività:percorsi guidati, visite a tema, laboratori, visite gioco, itinerari a tema, visite alle mostre, domeniche al museo, attività di stage, formazione per gli insegnanti, progetti di partenariato, laboratori teatrali... Di questo si occupano, di concerto con gli organi direttivi, i Servizi educativi del Museo Diocesano che si avvalgono della collaborazione di insegnati e dirigenti con anni di esperienza nel campo della didattica, giovani professionisti dotati di competenze specifiche nel settore dei beni culturali, esperti locali. Il Servizi Educativi si occupano di ideare, progettare e svolgere le attività educative per i diversi pubblici che frequentano il museo: studenti delle scuole di ogni ordine e grado, gruppi famigliari, parrocchie, cittadini residenti e turisti.